Teamwork, un approdo sicuro «in mezzo ad oceani di incertezze»

Nelle grandi aziende con cui ho collaborato in questi anni sono state introdotte spesso nuove modalità organizzative di lavoro per rispondere a scenari complessi, più competitivi, dinamici e che richiedono rapidità di risposta, nonché per soddisfare le esigenze di flessibilità dei nuovi mestieri e delle nuove generazioni. Parole come agilità, flessibilità, riduzione dei livelli gerarchici e smart working hanno portato a ripensare non solo l’organizzazione in generale, ma anche il teamworking, facendo emergere la necessità di ridefinire comportamenti, atteggiamenti e competenze. In questo articolo vi parlerò di come il teamworking, un pilastro fondamentale per affrontare il contesto complesso, si stia progressivamente trasformando.
Questa evoluzione riguarda il modo di costituire i team, di organizzarli, di gestirli, di monitorare le performance, di farne parte e, soprattutto, di coinvolgere e motivare i membri del team al raggiungimento di risultati sempre più ambiziosi, con risorse più limitate e con minori prospettive di carriera.